mercoledì 17 luglio 2013

Tortellini con zucchine in fondo d'acciughe e capperi....è estate...è estate???



Che estate biricchina, un passo avanti e due indietro se guardi il cielo e speri di vedere solo sereno...ma quando il sereno arriva non dubiti un secondo sul da farsi, soprattutto se è domenica... ed altro non desideri che prendere la borsa del mare e goderti una giornata di salsedine sulla pelle, crema solare per una pelle ambrata, teli da mare stesi sulla spiaggia, secchielli e formine sparsi qua e la sul bagnasciuga, ed il materassino per prendere il largo e goderti il silenzio infranto solo dal rumore dell'acqua....
...lo stesso rumore che mi ha ipnotizzata la sera passata a cenare alla "Torre Normanna" di Maiori...

...vi assicuro che il posto è un incanto già solo nel guardarlo dall'alto...E' un'antica torre di avvistamento dei Saraceni che veniva utilizzata in antichità per proteggersi dalle loro invasioni saccheggiatrici...oggi è un bellissimo ristorante.... Se arrivi lì una di queste sere d'estate ne resti senza parole....la guardi sporgendoti dalla strada nella sua imponenza, in basso verso il mare, tutta illuminata da candele, bella con il suo smerlo e le sue piccole terrazzine laterali che scendono fin giù nel mare...dalle quali di giorno ti consentono di fare il bagno in un acqua cristallina.... Se decidi di cenare dentro puoi ammirare tutta la costiera che si stende fino al Amalfi ed oltre, se invece, come noi, decidi di sederti sulle terrazzine sul mare puoi solo rimanere affascinata dalle pietre che formano la torre, dai fari che illuminano le acque e gli scogli, il mare che varia dal tranquillo all'ondulato più insistente se passa una barca troppo vicina, le lampare che pescano un pò distanti, e lo chef che ti coccola con i suoi piatti della tradizione e non....spaghetti con la colatura di alici, gamberi caldi in crosta su gelato al limone, fiori di zucca farciti di provola filante, paccheri allo scoglio, tonno avvolto in pancetta e sesamo, profitterol al limone che solo qui puoi provare nella loro più sublime espressione....
...se poi ti capita un matrimonio sulla terrazza smerlata puoi avere anche la fortuna di assistere a dei fuochi pirotecnici di mezzanotte, che partono dal fondo del mare per illuminare il cielo di fronte alla torre e poi riflettere tutte le loro luci ancora sull'acqua...si, perchè credo che i fuochi acquistano un fascino particolare se son fatti a mare...voi non credete???
Ed allora mi chiederete...questo piatto con i tortellini??...ammetto che la mia visione del tortellino non è per niente estiva ma ho voluto provarli in questa versione per capire se con ingredienti diversi riuscisse a spogliarsi del vestito invernale per farsi apprezzare ugualmente...l'idea è nata da delle acciughe sotto sale di Cetara, appunto della Costiera, che ho dissalato e deliscato e messo sotto olio...non hanno nulla da condividere con il sapore delle acciughe in vasetto...hanno un sapore diverso, una diversa corposità...se poi decidi di farci un fondo nel quale cuocere ed insaporire delle zucchine tagliate a rondelle molto sottili e poi le completi con dei capperi, il tortellino scoprira' un condimento nel quale immergersi e sentirsi coccolato....io ne sono rimasta piacevolmente colpita ed ho deciso di promuoverli per questo post....
Ingredienti per 2 persone:
200 gr. tortellini
2 zucchine
3 acciughe
una manciata abbondante di capperi
3 cucchiai di olio EVO
panna da cucina
Tagliare le zucchine lavate a rondelle molto sottili. Mettere l'acqua sul fuoco per cuocere i tortellini.
Riscaldare leggermente l'olio in una padella anti-aderente ed aggiungere le acciughe facendole sciogliere. Aggiungere le zucchine, i capperi, e mettere ogni tanto un pò di acqua calda perchè si cuociano.
Quando bolle l'acqua buttarci i tortellini e rispettare i tempi di cottura.
Una volta cotti tirarli su dall'acqua e metterli nela padella con le zucchine a fuoco lento. Aggiungere la panna, mescolare, spegnere il fuoco e lasciare isaporire il tutto. Mettere nei piatti e servire.

Vi invito all'assaggio ma soprattutto ad un salto alla Torre Normanna....è uno spettacolo visivo e culinario da non poter perdere...
Un abbraccio a tutti voi...

16 commenti:

  1. Elena, mamma mia che ristorante suggestivo! In Piemonte abbiamo dei bei castelli e delle belle ville sulle colline, ma nulla si avvicina a questo, purtroppo il mare non ce l'hanno dato.... Intrigante la tua versione dei tortellini, bravissima come sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. So che ci sono dei castelli bellissimi....prima o poi verrò a farci un giro....

      Elimina
  2. Grazie Elena x i consigli!! Che posto davv !!
    Ti ho detto che amo i tortelli e le zucchine ? Quindi amo già la ricetta:))

    RispondiElimina
  3. Che idea carina per servire i tortellini! Qui da me a Modena proporre un tortellino asciutto è un sacrilegio, si mangiano rigorosamente in brodo..ma io me li mangio anche asciutti :) e questo condimento è da provare!
    Un bacio
    Letizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Letizia non me ne parlare....il mio compagno è nato a Bologna e lui mangerebbe tortellini in brodo anche il giorno di ferragosto...non scherzo....e questi li ho cucinati una sera che lui non c'era...eh, eh...li hanno assaggiati i miei genitori....baci

      Elimina
  4. Che meraviglia Elena, grazie per averci regalato questa perla. Ottimi i tuoi tortellini con le zucchine, da provare al più presto! Un abbraccio Manu.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SI è veramente un bel posto...i miei colleghi della Puglia che erano con me sono rimasti senza parole...vogliono tutti tornarci con le proprie famiglie....un abbraccio...

      Elimina
  5. bellissimo post..ottima ricetta e paesaggio incantevole...ciao carissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciaooo....grazie a te per essere passata di qui...

      Elimina
  6. La costiera amalfitana fa parte dei miei ricordi d'infanzia. Non ci son più tornata ma l'ho messa nella lista dei prossimi posti da visitare. Che sogno quel ristorante ed immagino pure i fuochi. Non saprei mai fare le acciughe buone come le tue ma il tuo piatto me lo gusterei molto volentieri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono contenta tu abbia dei bei ricordi di questi posti...sai le acciughe di Cetara sono proprio buone così perchè il modo in cui le preparano, in questi cocci di terracotta, sotto sale, pressati da un tappo di sughero...quando ne prendi una, la lavi dal sale e la delischi, è buonissima....ciao...

      Elimina
  7. Io voglio andare a cena in quel posto. Io voglio farmi una tirata di 6 ore e altrettante per tornare indietro, solo per cenare nella Torre Normanna. Sono abbacinata dalla tua descrizione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dico Serena che ne varrebbe la pena...ti abbraccio forte...

      Elimina
  8. Cara Elena, nessuna ricettina questa settimana?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, si...ultime ore di lavoro e stasera un bel post...spero....ti abbraccio forte forte....

      Elimina